Lifestyle

Migliaia di persone preferirebbero dormire da soli che con il partner

A volte ti ritrovi a desiderare di poter semplicemente avere il letto solo per te stessa

Se è così, hai ragione: secondo un sondaggio annuale di un programma televisivo, il 41% degli italiani preferisce dormire da soli che con il partner. Di solito a questo si attribuisce il russare: il 52% delle persone dichiara che il russare dei propri partner è abbastanza forte da svegliarli, e il 30% dichiara che è abbastanza forte da mandarli sul divano o in un’altra stanza.

Il russare non è l’unico motivo, però. Molte persone sono molto peculiari degli ambienti: alcuni richiedono circa una dozzina di coperte per sdraiarsi comodamente; alcune persone hanno bisogno di sentire rumore, altre hanno bisogno di luci notturne. Alcune persone dormono col freddo, senza coperta mentre altre dormono al caldo, anche ad estate.

A giudicare dal sondaggio, pochissime coppie sono d’accordo su queste cose. Apparentemente, la questione della temperatura e dell’oscurità sono gli elementi più facili da accettare, ma solo il 31% delle persone sono d’accordo sul fatto che dormire sia meglio o meno con il rumore; il 27% delle persone preferisce lo stesso numero di coperte dei propri partner. Meno del 23% è d’accordo sull’ora di andare a letto.

Molte coppie si accorgono che le sveglie dell’altro sono troppo rumorose la mattina, ma un 70 %  non ne è infastidito, probabilmente perché svegliarsi e rendersi conto che è possibile riaddormentarsi è tra i migliori sentimenti esistenti.

 

Tutto ciò detto, ironicamente, l’ingrediente più efficace per dormire bene sembra essere il sesso: il 68% degli intervistati ha dichiarato di dormire meglio dopo aver fatto sesso. Veramente, gli ormoni sessuali fanno per il miglior ambiente di sonno di tutti, perché l’orgasmo induce il rilascio di prolattina, un ormone che promuove induce il rilassamento e la sonnolenza. Amplifica anche l’ossitocina, il cosiddetto ormone del benessere, che aiuta a distendere dallo stress.

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *