Bellezza, Pelle, Salute

Gli integratori: quando funzionano

 

Hai mai assunto un multivitaminico al primo segnale di un raffreddore, nella speranza disperata che tu possa allontanare la temuta influenza prima che i sintomi in piena regola colpiscano? Sì, siamo stati tutti lì e sappiamo cosa si prova a desiderare risultati in fretta.

Ma quanto tempo ci vuole di solito per notare una differenza dopo aver preso un’integratore?

Dipende davvero da cosa c’è nell’ integratore. Se manchi di minerali e sostanze nutritive, potrebbero essere necessari alcuni giorni per l’integrazione degli integratori. Dall’esperienza personale e clinica, lo iodio può funzionare in pochi giorni. È una grande fonte di produzione di energia grazie alla sua capacità di migliorare la tiroide e il metabolismo, che guida l’energia. Molte persone sono così carenti di iodio che quando iniziano a integrarle notano una differenza di energia e chiarezza mentale in pochi giorni. In generale, ci vogliono dalle tre alle sei settimane per cambiamenti evidenti.

La gravità della tua mancanza determinerà quanto velocemente inizi a sentirti meglio?

Sì, sicuramente. Se hai una carenza evidente, noterai che ti sentirai meglio quando inizi a completare quei minerali mancanti.

E la causa della carenza?

La causa della carenza può essere causata da diversi fattori come una dieta, la digestione, lo stress, l’incapacità di assorbire i nutrienti, lo stato della funzione digestiva, gli alimenti che stai mangiando.

L’ora del giorno in cui prendi l’integratore fa la differenza?

Consiglio ai miei pazienti di prendere gli integratori come prima cosa al mattino con la colazione. Alcuni integratori contengono minerali che aiutano nella produzione di energia, quindi è bello potenziarlo all’inizio della giornata.

Quali alimenti possono inibire l’assorbimento dell’integratore?

È meglio evitare di assumere integratori 30 minuti prima o dopo il caffè. Prendere questo prodotto con il cibo è importante perché, ad esempio, prendere lo zinco a stomaco vuoto può far venire la nausea.

Quali alimenti possono aiutare a integrare l’assorbimento?

È sicuramente importante prendersi cura del proprio intestino perché avere un microflora intestinale sana aiuta ad assorbire i minerali con facilità. È utile prendere un probiotico quotidiano, ridurre lo stress e aumentare l’assunzione di fibre, noci, semi e verdure. Consiglio inoltre di ridurre l’assunzione di glutine, carboidrati raffinati e zucchero raffinato e di assicurare che lo stomaco sia abbastanza acido aggiungendo all’acqua il sidro di mele o il limone.

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *