Lifestyle

Cose da sapere sulla meditazione

 

È la prima volta?

Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti

La meditazione è una pratica che è cresciuta in popolarità negli ultimi anni, e non è difficile capire perché, considerando le vite sempre più frenetiche che tendiamo a vivere.

Il primo vantaggio della meditazione è il riposo profondo e il rilassamento

Quando trascorri le tue giornate tra una riunione e l’altra, cercando di inserirti in una vita sociale e usando ogni centimetro della tua forza di volontà per non addomesticare un hamburger dopo una lunga giornata stressante, la meditazione – si scopre – è uno strumento piuttosto utile per gestire lo stress, riposare la mente e lasciare che il corpo recuperi.

È stato dimostrato che 20 minuti di meditazione equivalgono a tre o quattro ore di sonno. Questo profondo riposo e rilassamento del cervello consente al corpo di interrompere la chimica del combattimento e attiva la serotonina, la dopamina e l’ossitocina, che consentono al corpo di riposare, rilassare, riparare; questa è una cosa davvero importante al giorno d’oggi.

Rilassare la mente, ridurre lo stress e l’ansia e trovare la calma interiore è quello che vogliamo. Ma per molte persone, fare i primi passi per una normale routine di meditazione può essere scoraggiante. L’incertezza su come iniziare e sentire che la mente è troppo attiva per entrarci sono alcune delle maggiori preoccupazioni e sfide. Ma non preoccuparti perché abbiamo messo alle strette alcuni istruttori di yoga e meditazione e abbiamo chiesto alcuni consigli e informazioni che ogni principiante di meditazione dovrebbe sapere.

È assolutamente normale che la tua mente vaghi

Non preoccuparti se all’inizio hai difficoltà ad entrare in meditazione. Se la tua mente vaga, non significa che non sei costruito per questo. Una mente errante è il problema numero uno e la chiave per capire è cosa lo sta causando. La mentalità attiva sulle liste di cose da fare o piccole sequenze oniriche o linee di pensiero – non è una scimmia birichina e dispettosa. Non è la tua mente; è il tuo corpo che rilascia stress e tensione, che attiva i tuoi pensieri.

Ancora meglio da sapere che è solo il tuo corpo a rilasciare lo stress? Non hai bisogno di sentirti come se dovessi farlo ‘smettere’, ma piuttosto di trovare un modo gentile per ri-focalizzarti.

La mente attiva non è qualcosa che devi controllare o devi negare. Se vieni rapito da pensieri o rumori o sensazioni corporee o immagini che ribollono nella mente, non preoccuparti di questo. Mentre ti rendi conto di cosa sta succedendo, invece di infastidirti e sentirti frustrato, sorridi e focalizza la tua consapevolezza sul respiro. Non preoccuparti, non sentirti frustrato con te stesso. Questa è in effetti una parte molto importante della meditazione. La mente vuole entrare in quel profondo stato di riposo, il corpo vuole spegnere la spazzatura mentale, fisica, emotiva.

La tecnologia può aiutarti a entrare nello stato di meditazione

Non sai dove o come iniziare il tuo viaggio di meditazione? Vai sul tuo app store. App come Headspace, Smiling Mind, l’app Fitbit sono tutte fantastiche … sono impostate per consentire alle persone di fare il primo passo e avere un’esperienza in esso piuttosto che essere filosofici o concettuali. Permettono alle persone di meditare ovunque, in qualsiasi momento e sono gratis.

Puoi anche fare uso della tecnologia per aiutare la respirazione a rallentare per entrare nella zona Zen più facilmente – specialmente se è qualcosa che può aiutare a monitorare il rallentamento della frequenza cardiaca. Prendi Fitbit Versa: è dotato di un’app “Relax” che aiuta a focalizzare la respirazione e ad ottenere la frequenza cardiaca e il corpo preparati per una sessione di meditazione.

Non c’è tempo o luogo perfetto per meditare

Pensi che meditare significhi trovare un posto speciale di solitudine ad una certa ora del giorno? Mentre alcune condizioni sono più ideali di altre, puoi sviluppare le tue abilità di meditazione in modo che tu possa farlo ovunque, in qualsiasi momento, perché altrimenti cercherai solo delle scuse per non farlo.

Certo è bello essere in un bel posto, chiudere la porta e tacere, ma non otterremo mai il silenzio. Non c’è nulla di silenzioso; ci sono sempre uccelli o qualche cantiere. Quindi non ti preoccupare, siediti e fai pratica.

Per quanto riguarda l’ora del giorno, puoi essere abbastanza flessibile quando scegli di meditare. Dobbiamo lavorare con il nostro stile di vita. L’intero punto della meditazione non è il tempo che medita, sono i benefici che maturano in seguito. Questo è quello che stiamo cercando; questo è il punto fondamentale.

Non hai bisogno di meditare per molto tempo

Mentre alcune persone potrebbero facilmente sedersi e meditare per un’ora, altri potrebbero trovare difficile impegnarsi con la pratica per così tanto tempo – specialmente all’inizio. E va bene, hai solo bisogno di 10 minuti per ottenere una seduta utile. Idealmente, vorrai meditare per non meno di 10 minuti e non più di 20; è il ritmo di riposo naturale del corpo.

Il punto è sentire più chiarezza, creatività ed energia. Quando lasciamo che la mente si rilassi, il corpo mette via la spazzatura mentale, fisica, emotiva e già ci sentiamo meglio. Siamo in grado di interagire e relazionarci a tutto con più arte. Questo è il punto; questo è dove sta tutto il divertimento. Ma dobbiamo imparare come dare alla mente e al corpo l’opportunità di portarci in questo stato.

Non è una soluzione rapida per stress o ansia

La meditazione può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia? Assolutamente! Ma una seduta di 10 minuti non farà sparire immediatamente quelle sensazioni – è necessario attenersi alla pratica per approfittare dei benefici a lungo termine.

L’obiettivo è di sviluppare quella pace interiore, quella calma che non può essere sopraffatta da nulla; questo è ciò che stiamo cercando di ottenere. L’ idea di una vacanza una o due volte l’anno non è sufficiente ad oggi. Non è sufficiente per consentire alla mente e al corpo di riparare, ristrutturare, riorganizzare e operare ai massimi livelli in modo coerente “.

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *