Come tonificare seriamente I tuoi addominali

Se stai facendo esercizi per addominali, non pensare nemmeno di alzarti da terra finché non hai fatto qualche serie di sollevamenti alle gambe.

Questa mossa non solo scolpisce il tuo addome, ma migliora anche la flessibilità dei tuoi flessori dell’anca, fondamentali per aiutare ogni passo che fai e ogni squat che fai.

Ecco come fare:

Sdraiarsi su una stuoia sul pavimento, a faccia in su, gambe estese. Metti le mani sotto la parte bassa della schiena e glutei in modo che il bacino sia sostenuto. Inizia ad alzare le gambe verso il soffitto, premendo le cosce e mantenendo le gambe dritte. Sollevare fino a quando i fianchi non sono completamente flessi e non si può andare più in alto con le gambe dritte, quindi abbassare la schiena e ripetere.

I sollevamenti di gambe distesi sono propagandati come esercizio di magnifici addominali, perché lo sono. Ma i tuoi flessori dell’anca traggono effettivamente alcuni dei principali benefici di questa mossa. Quindi non essere sorpreso se i tuoi fianchi si sentono un po’ bruciati durante questo.

 

Perché tutti sono così a proposito di Ashwagandha?

 

Sembra che ci sia una vitamina o una polvere là fuori per tutto in questi giorni, ma c’è un supplemento vivace che potrebbe essere davvero legittimo. Si chiama ashwagandha ed è stato usato per più di 3000 anni.

La pianta, chiamata anche “ginseng indiano” o “ciliegia d’inverno indiana”, è ora più comunemente trovata sotto forma di capsula, pillola, polvere o miscela. Il fiocco ayurvedico è stato usato per fare di tutto, dallo stress da combattimento alla gestione del dolore.

I ricercatori hanno visto effetti entro settimane o mesi negli studi sull’uomo.  L’Ashwagandha è una promettente medicina erboristica, con una lunga storia di uso tradizionale e prove crescenti che ci permettono di comprenderne gli effetti.

Ecco alcuni benefici:

Ti aiuterà a rilassarti per davvero

A volte siamo stressati, ma una sensazione cronica di oppressione alla gola e tensione nelle tempie potrebbe essere qualcosa che l’ashwagandha può aiutare a lenire. I ricercatori hanno scoperto che i suoi composti attivi al withanoside possono cambiare il modo in cui il corpo risponde allo stress.

E questo include la riduzione al minimo del rilascio di cortisolo (noto anche come ormone dello stress). I primi studi hanno dimostrato che l’assunzione di 300-500 milligrammi di ashwagandha può ridurre i livelli di cortisolo fino al 28%.

Può combattere quei fastidiosi grigi

Alcuni studi hanno trovato che il consumo di una dose giornaliera di polveri ashwagandha ha contribuito a aumentare la produzione di melanina dei capelli. Meno grigi? Sì, via.

Potrebbe effettivamente farti sembrare più giovane

Uno studio del 2018 ha scoperto che l’estratto di radice di ashwagandha è ricco di potenti antiossidanti come i polifenoli , che possono ridurre i radicali liberi nel corpo e rallentare i segni dell’invecchiamento .

Potrebbe aiutare il tuo dolore al ginocchio

A causa del suo alto contenuto di withanolide (che agisce come uno steroide), l’ashwagandha può aiutare a lenire il dolore alle articolazioni e il gonfiore associati all’artrite, secondo un piccolo studio del Journal of Ayurveda and Integrative Medicine .

Potrebbe aiutare a stimolare la memoria

Ricordi quei composti withanoside? La ricerca dall’European Journal of Neuroscience afferma che svolgono un ruolo nella ricostruzione sinaptica, che può migliorare la disfunzione neuronale nei pazienti con malattia di Alzheimer.

Potrebbe aiutare a costruire muscoli

Questa antica radice cinese ha fatto il suo dovere. L’Ashwagandha è stato tradizionalmente usato per costruire la forza, anche se la ricerca clinica è minima a questo punto. Le prime ricerche suggeriscono che l’ashwagandha può migliorare la produzione di energia dei muscoli e diminuire la fatica grazie ai suoi effetti anti-infiammatori oltre a un potenziale aumento del testosterone e alla diminuzione del cortisolo.

 

I migliori modi per mantenere le banane gialle

 

L’imballaggio del tuo carrello pieno di prodotti è sembrato un’idea brillante durante la spesa di domenica. Un intero gruppo di banane? Certamente, li mangerete tutti.

Cioè, comunque, fino a pochi giorni dopo, quando ti rendi conto che le tue banane si stanno trasformando un’ombra disgustosa di colore marrone e… veloce.

Le buone notizie? I Browning ‘nanas sono totalmente sicuri da mangiare e possono anche essere più facili da digerire grazie a quantità ridotte di un tipo di fibra nota come amido resistente e alti livelli di antiossidanti.

Le notizie ancora migliori? Tu (sì, tu!) Hai il potere di rallentare – e persino impedire! – che in fin dei conti si trasforma in marrone.  Tutto ciò di cui hai bisogno sono alcuni trucchi. Ma prima…

Ma perché le banane diventano marroni?

Sia la buccia che la polpa del frutto sono soggette a rosolatura, ma per ragioni diverse. Inizia con l’esterno: la buccia diventa marrone grazie alle banane del gas etilene che producono naturalmente. In sostanza, questo gas rompe gli acidi e i pigmenti clorofilliani, che sono verdi, nel frutto, trasformandolo prima in giallo e poi, con l’avanzare del gas, diventano marroni. Una volta che la pelle viene rimossa, il frutto inizia a reagire all’aria e diventa marrone, è parte di un processo noto come ossidazione.

Quindi, come posso evitare che le mie banane diventino marroni?

Tutto inizia al supermercato: prima di tutto, evita di acquistare banane in sacchetti di plastica e lascia che la buccia protegga (come già fa in natura). Quando avvolgi – e, a casa, in negozio – le tue banane in plastica o qualsiasi tipo di borsa, intrappoli il gas etilene, che aumenta la maturazione. Quindi, salta la borsa: un professionista per Madre Terra e un professionista per i tuoi prodotti (eh? Eh?).

Una volta a casa, mantieni le banane in un mucchio dove tendono a maturare più lentamente e avvolgere le punte in un involucro di foglia di alluminio  o un’opzione verde come la cera d’api. Mentre non impedirà loro di imbrunire, coprendo la parte superiore della buccia limita la quantità di etilene prodotto e impedisce al gas di fuoriuscire ed esponendo il resto del frutto a questo gas. Più etilene è esposto alle banane, più velocemente matureranno.  E questo è esattamente il motivo per cui una corretta conservazione è essenziale per prolungare la durata della vita delle banane.

Notizie in flash: “I nanas non sono l’unico cibo che produce questo male etilene. Quindi, i professionisti consigliano di tenerli separati da altri prodotti che producono etilene come mele e avocado .

Inoltre, dai un’occhiata alle banane nel tuo mazzo. Alcuni di questi sono contusi? Stai già rosolando? Se è così, sposta quelle banane lontano dal resto del gruppo perché un livido può effettivamente accelerare il processo di invecchiamento per gli altri.

Ma che ne dici di metterli nel frigo o nel congelatore?

Non è una cattiva idea! Mentre è meglio conservare le banane a temperatura ambiente fino a quando non sono mature, sentiti libero di buttarle nel frigo o nel congelatore per rallentare la maturazione e la doratura. Questo è particolarmente vero quando hai una banana avanzata: avvolgila come fai con le cime, questa volta per evitare l’ossidazione e mettila nel frigo.

A temperature più fredde, la buccia o la pelle diventerà marrone velocemente, ma questo non significa che sia andato male. Per evitare questo, prendi in considerazione la possibilità di tagliare le banane mature in piccoli pezzi e metterli in un barattolo o un contenitore a tenuta d’aria. Bonus aggiuntivo: queste fette surgelate sono più facili da fondere in frullati e amplificano il gustoso.

Ok, e se le mie banane fossero già super-marroni? Dovrei buttarli?

No! Anche se quelli più maturi potrebbero sembrare spaventose, le banane marrone scuro o persino nere possono ancora essere mangiate e utilizzate. A causa del loro contenuto zuccherino più elevato, le banane troppo mature sono ottime per la cottura e per fare una bella crema alla banana. Assolutamente prendili se non vuoi mangiarli per uno spuntino, ma non c’è bisogno di sprecarli.

 

Le patate sono davvero salutari?

 

Ci sono poche verdure più versatili delle patate: puoi cuocerle, schiacciarle, friggerle (o meglio ancora, friggerle all’aria ), lessarle, arrostirle, capovolgerle, gnocchi (?), frullarle in umido, o appiattirli in frittelle. E praticamente qualsiasi cosa tu faccia  hanno sempre un sapore * delizioso *.

Detto questo, rispetto alla sua estesa famiglia di verdure (spinaci, broccoli, carote, il cavolfiore sempre più popolare) e anche la sua pseudo-sorella, la patata dolce , la patata bianca subisce un brutto colpo. Ma ecco la cosa: le patate non fanno male, infatti, una volta preparate e consumate nel modo giusto, le patate sono salutari e possono in realtà accelerare anche i tuoi obiettivi di perdere peso.

Le patate possono prevenire l’eccesso di cibo

Potresti sentire “patata” e pensare a carboidrati vuoti .  Le patate in realtà superano l’ indice di sazietà (una misura di come le persone si sentono piene dopo aver mangiato cibi specifici) come il numero uno che riempie il cibo. In effetti, secondo l’indice, occorrerebbero sette cornetti per riempire la pancia tanto quanto una singola patata.

Alcuni ricercatori hanno scoperto che quando le persone seguivano ricette di patate sane, perdevano peso mangiando da cinque a sette porzioni a settimana.

Quindi, cosa li fa riempire? Come sottolineano i ricercatori, le patate bianche contengono 4,7 grammi di fibre , circa le stesse di una mela. Inoltre, le patate vengono caricate con amido resistente , che rallenta la digestione. Ciò ti fa sentire più pieno più a lungo.

Le patate sono in realtà davvero a basso contenuto calorico

Una patata bianca media contiene solo 163 calorie. (Naturalmente, preparala con panna acida, formaggio e pancetta, e quel numero sale molto.) Ma poiché l’amido resistente delle patate non è facilmente digeribile (da qui la parola resistente ), in realtà non assorbiamo ogni caloria.

Inoltre, uno studio del 2018 ha rilevato che quando le donne in sovrappeso o obese mangiavano cibi meno energetici – comprese le patate – all’inizio della giornata, hanno perso peso e lo hanno tenuto lontano. La probabiliu ragioni, per i ricercatori? Sono rimasti per tutto il giorno senza fare affidamento su alternative ad alto contenuto calorico.

Per mantenere le tue patate sane posizionate in basso sul fronte delle calorie, prova a servirle bollite o arrostite in un’insalata o in un piatto a base di verdure miste, o al forno con condimenti nutrienti come spezie, yogurt greco, salsa o fagioli.

Le patate potrebbero renderti un atleta migliore

Qualsiasi atleta sa che i carboidrati alimentano gli allenamenti estesi, il che spiega perché la verdura è stata una vera passione per i corridori che caricano carboidrati per anni.

Spiegare rapido: il tuo corpo fa molto affidamento sul glicogeno muscolare (carboidrati immagazzinati) per produrre energia durante esercizi ad alta intensità o di lunga durata. Consumando i carboidrati, il tuo corpo può spingere più forte e andare più lontano, e alla fine ha un rendimento migliore, secondo una ricerca pubblicata su Sports Medicine . Migliori prestazioni significano più calorie bruciate e muscoli costruiti, cambiando anche il tuo corpo.

E anche se molti amanti della patata pre-gara non se ne rendono conto, le patate contengono in realtà più potassio delle banane. Ottenere abbastanza di quell’elettrolita è cruciale per una corretta funzione muscolare.

Le patate sono più nutrienti di quanto pensi

Un motivo per cui le patate sane vengono rimproverate è che sono un ortaggio “amido”. Ma il vero discorso: l’amido non è male. In realtà è un carboidrato complesso e la ricerca ha costantemente collegato i vecchi CC alla perdita di peso. Questo perché contengono amido resistente, che ha dimostrato di migliorare il controllo della glicemia, a sua volta facilitando la perdita di peso e prevenendo la resistenza all’insulina.

Mentre le patate si posizionano piuttosto in alto sull’indice glicemico (il che significa che, al contrario, possono causare picchi di zucchero nel sangue), si può annullare l’impatto associandole con proteine ​​e grassi sani, come uova e avocado.

 

9 cose sorprendenti che possono aumentare il tuo desiderio sessuale

E sono tutte naturali

Se sei in un periodo di siccità, va bene. Succede, soprattutto se sei stata con lo stesso partner per anni o stai vivendo cambiamenti del corpo dovuti all’invecchiamento. Esistono modi naturali per aumentare il libido senza molti sforzi, e molti di questi sono davvero divertenti, quindi è una soluzione vincente.

Qui ci sono nove cose sorprendenti che possono aumentare il tuo desiderio sessuale, in modo da poter avere un rapporto più soddisfacente nel complesso e creare un tempo extra speciale per te stesso.

Cioccolato fondente

Probabilmente hai sentito che il cioccolato è un afrodisiaco naturale, alias qualcosa che può stimolare il desiderio sessuale. Ha un contenuto alto di triptofano, una sostanza chimica che aumenta la sintesi di serotonina, che è un neurotrasmettitore che può avere un grande impatto sul libido. In effetti, alcuni studi dimostrano addirittura che mangiare più cioccolato è associato a un miglioramento significativo della funzione sessuale nelle donne.

Scegli un cioccolato fondente di alta qualità a basso contenuto di zucchero per massimizzare il contenuto di antiossidanti e benefici per la salute, e assicurati di tenere sotto controllo le porzioni, poiché l’eccesso di cioccolato e zucchero può influenzare sul tuo peso.

Yohimbina

Derivato dalla corteccia dell’albero Yohimbe, gli integratori di yohimbina sono spesso usati come rimedio naturale per la disfunzione sessuale. Incoraggiando il rilassamento della muscolatura liscia, si ritiene che lo yohimbina aiuti nel trattamento di condizioni come la disfunzione erettile. Prima di assumere qualsiasi integratore, consultare il proprio medico di fiducia per assicurarsi che siano sicuri per voi.

Limitare l’assunzione di alcol

L’alcol potrebbe renderti più sciolto inizialmente, ma troppi bicchieri di vino possono causare un effetto opposto. Mentre il bicchiere di vino occasionale con la cena va bene, esagerare con l’alcol può rapidamente uccidere il desiderio sessuale. Troppo alcol può interferire con le tue prestazioni e rendere difficile per il tuo corpo rispondere sessualmente, risultando in problemi come la disfunzione erettile e una ridotta capacità di raggiungere l’orgasmo. Invece, prendi un bicchiere o due per impostare l’umore, ma poi vai nella camera da letto invece di versarne un altro.

Maca

Sebbene sia stato originariamente usato come rimedio naturale per migliorare la fertilità, la maca è ora riconosciuta per le sue potenti proprietà di stimolazione del libido. Negli uomini, la maca ha dimostrato di aiutare a migliorare la disfunzione erettile e aumentare il desiderio sessuale. Nelle donne, la maca può aiutare a bilanciare i livelli ormonali e scongiurare gli effetti collaterali della menopausa che possono contribuire a un basso desiderio sessuale, come ansia, depressione e disfunzione sessuale.

Corretta idratazione

Aggiungi questo ai molti  motivi per rimanere ben idratati : farlo può aiutarti a mantenere il desiderio sessuale e la resistenza. La disidratazione è associata a una lunga lista di effetti collaterali negativi che possono uccidere rapidamente l’umore, come affaticamento, mal di testa e secchezza vaginale. Assicurati di bere molta acqua e mangiare molta frutta e verdura per rimanere adeguatamente idratata.

Ginseng

Ben noto come afrodisiaco naturale, si ritiene che le varietà di ginseng sia asiatiche che americane aumentino il desiderio sessuale. Gli effetti benefici del ginseng sono attribuiti al suo contenuto di ginsenosidi, che hanno dimostrato di migliorare il flusso sanguigno e ridurre la disfunzione erettile. Inoltre, una ricerca ha dimostrato che il ginseng può anche aiutare a migliorare il libido, le prestazioni sessuali e anche la qualità dello sperma.

Fare più sesso

Sì, fare sesso stimola il desiderio sessuale più di ogni altra cosa. Non posso dirti quante volte ho detto ai miei clienti: “Il sesso genera sesso. Più ne hai, più ne vuoi.

Accettandolo, stimoli quegli ormoni del benessere, come la dopamina e l’ossitocina, che mandano un segnale al tuo corpo per desiderare di più.

Esercizio

Parlando di esercizio fisico, può anche alimentare il tuo libido. L’esercizio stimola la produzione di testosterone, che è la chiave per un forte libido. E, esercitarsi con il proprio partner è un ottimo modo per fare qualcosa insieme che ti fa sentire forte, sicuro e sexy.

Puoi fare Pilates o altre forme di allenamento cardiovascolare e di forza insieme, ma potresti anche provare lo yoga. Lo yoga ha dimostrato di aiutare a combattere la stanchezza e lo stress riducendo i sintomi di depressione e ansia, tutti fattori che possono contribuire a un basso libido.

Bonus: Può anche migliorare la flessibilità, l’equilibrio e la forza, che può avere un effetto benefico anche in camera da letto. Inoltre,  puoi anche fare sesso post-allenamento , che potrebbe essere ancora più caldo.

Novità

Le avventure possono rendere le cose eccitanti e questo aumento di adrenalina migliorerà anche il desiderio sessuale. Questo può essere qualsiasi cosa, dal viaggiare in un posto nuovo, imparare una nuova lingua, provare un nuovo sport o, meglio ancora, aggiungere qualcosa di totalmente nuovo al tuo repertorio sessuale.

Gli umani bramano la novità nella maggior parte degli aspetti della vita e, a volte nelle relazioni a lungo termine, la novità è radicalmente diminuita. Riportala indietro con qualsiasi cosa tu voglia  provare – la connessione mente/corpo si tradurrà in un rinnovato senso di esplorazione ed eccitazione, personale, relazionale, e per il tuo desiderio sessuale.

Amore e sesso non devono sempre andare di pari passo

 

“Mio marito e io abbiamo smesso di fare sesso, e il nostro legame è più forte che mai”

Sono stata con mio marito per più di dodici anni. Ci siamo riuniti per la prima volta a metà degli anni ’70, quando entrambi vivevamo ancora con i nostri genitori e cercavamo di capire cosa fare delle nostre vite. All’inizio, era una frenesia di collegamenti in auto, sui divani del salotto e praticamente ovunque pensavamo che non saremmo stati scoperti. Ci siamo aggrappati alla vertigine di una nuova relazione e abbiamo lasciato che i nostri ormoni ci guidassero.

Avanti veloce di otto anni. In quel periodo siamo tornati entrambi a scuola. Ho cambiato percorso professionale. Finalmente abbiamo comprato una casa e un anno dopo ci siamo sposati. E poi abbiamo smesso di fare sesso.

Non era una decisione consapevole. Come molte coppie, le nostre vite si sono appena date da fare. Eravamo stanchi. Siamo stati oberati di lavoro. Saremmo “pronti per questo” in momenti diversi. Uno di noi sarebbe completamente sveglio mentre l’altro non riusciva a tenere gli occhi aperti. Cominciò a sentirsi come se qualsiasi intimità fisica fosse forzata e lo stavamo facendo perché pensavamo che dovevamo, piuttosto che perché volevamo.

Più stavamo insieme, meno spesso facevamo sesso. Le settimane si sono trasformate in mesi e alla fine ho capito che stavamo facendo sesso solo in occasioni speciali. Ad un certo punto mi ha colpito che non sapevo nemmeno quando è stata l’ultima volta.

Anche se non ho perso il sesso, mi sono preoccupata: c’era qualcosa di sbagliato in me? Mio marito vorrebbe ancora stare con me se ammettessi che non volevo fare sesso? Non stava facendo sesso con me perché non mi amava o non era più attratto da me?

Mio marito non sembrava troppo preoccupato o turbato, ma la mia preoccupazione per il problema continuava a crescere. Questo non era normale, giusto? Se non lo stava facendo con me, lo stava prendendo da qualche altra parte? Mi ci sono voluti lunghi anni in cui molto, molto raramente facevamo sesso, per trovare il coraggio di affrontare l’argomento. Ma una sera, dopo cena, finalmente l’ho fatto, anche se ero terrorizzata che parlarne potesse portare a una rottura.

Ho davvero cercato di essere disinvolta e non farlo sentire come se lo stessi bombardando.

Quindi abbiamo parlato. Era terribilmente spaventoso rendermi vulnerabile, ma avevo bisogno di essere rassicurata dal fatto che non fosse personale. Ammise di avere insicurezze e dubbi simili sull’attrattiva sessuale e sulla forza della nostra relazione. Abbiamo finito per avere la conversazione più onesta che abbiamo mai avuto su ciò che vogliamo, su come ci sentiamo e su come il sesso sia diventato qualcosa che non era particolarmente importante per nessuno di noi due. Entrambi abbiamo ammesso di averlo trovato scomodo e insoddisfacente. E abbiamo convenuto che il tempo trascorso a coccolarci insieme era davvero l’unica cosa che ci mancava.

Una volta capito che eravamo sulla stessa pagina, eravamo in grado di parlare di altri modi in cui potevamo essere fisici e intimi e che non avevano nulla a che fare con il sesso. Abbiamo anche parlato di trovare il tempo prima di chiudere gli occhi per avvicinarci l’uno all’altro.

Questi sono diventati i miei tempi preferiti. Parliamo e condividiamo, ridiamo e ci prendiamo in giro, e ci stiamo toccando fisicamente in un milione di modi diversi. È tenero e perfetto e significa molto più per me che il sesso.

Siamo felicemente sposati da molti anni e onestamente non posso dire quanto tempo è passato dall’ultima volta che abbiamo fatto sesso. A questo punto, è praticamente un non-problema, e non è qualcosa a cui penso molto spesso. Abbiamo preso una decisione che funziona per noi e ha rafforzato la nostra relazione. Siamo più bravi a comunicare, meglio a prenderci del tempo l’uno per l’altro, e meglio a fare in modo che il tempo sia significativo. Ora mi sento come se potessi parlargli di qualsiasi.

Naturalmente, ci sono ancora dei momenti in cui la preoccupazione si insinua perché la nostra società tratta il sesso come questo indicatore di relazione di tutti, end-all per felicità, compatibilità e longevità. Ci vuole un po’ per “uscire dal normale” per essere in grado di accettare che va bene, che la nostra relazione non si adatta alle nozioni prescritte di altre persone per quello che sembra un matrimonio, ma non è necessario.

Siamo felici!

 

Gli amici “cattivi” sono i migliori, dice la scienza

 

Abbiamo tutti quell’unico amico che lo dice com’è e che non ha paura di dire la propria opinione – anche se quello che stanno dicendo non è esattamente quello che vorresti sentire. Si, sai chi sei.

Ma, secondo una nuova ricerca, questi “cattivi” amici sono in realtà quelli che vuoi tenere!

Queste persone possono a volte causarti “esperienze emotive negative che credono possano alla fine aiutare” a lungo termine.

Si è dimostrato che le persone possono essere ‘crudeli’ per essere gentili – cioè, possono decidere di far sentire qualcuno peggiorato se questa emozione è benefica per quell’altra persona, anche se questo non comporta alcun beneficio personale per loro.

Quindi la prossima volta che il tuo amico “cattivo” cerca di darti un consiglio, prova ad ascoltarlo.

 

Cose da sapere sulla meditazione

 

È la prima volta?

Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti

La meditazione è una pratica che è cresciuta in popolarità negli ultimi anni, e non è difficile capire perché, considerando le vite sempre più frenetiche che tendiamo a vivere.

Il primo vantaggio della meditazione è il riposo profondo e il rilassamento

Quando trascorri le tue giornate tra una riunione e l’altra, cercando di inserirti in una vita sociale e usando ogni centimetro della tua forza di volontà per non addomesticare un hamburger dopo una lunga giornata stressante, la meditazione – si scopre – è uno strumento piuttosto utile per gestire lo stress, riposare la mente e lasciare che il corpo recuperi.

È stato dimostrato che 20 minuti di meditazione equivalgono a tre o quattro ore di sonno. Questo profondo riposo e rilassamento del cervello consente al corpo di interrompere la chimica del combattimento e attiva la serotonina, la dopamina e l’ossitocina, che consentono al corpo di riposare, rilassare, riparare; questa è una cosa davvero importante al giorno d’oggi.

Rilassare la mente, ridurre lo stress e l’ansia e trovare la calma interiore è quello che vogliamo. Ma per molte persone, fare i primi passi per una normale routine di meditazione può essere scoraggiante. L’incertezza su come iniziare e sentire che la mente è troppo attiva per entrarci sono alcune delle maggiori preoccupazioni e sfide. Ma non preoccuparti perché abbiamo messo alle strette alcuni istruttori di yoga e meditazione e abbiamo chiesto alcuni consigli e informazioni che ogni principiante di meditazione dovrebbe sapere.

È assolutamente normale che la tua mente vaghi

Non preoccuparti se all’inizio hai difficoltà ad entrare in meditazione. Se la tua mente vaga, non significa che non sei costruito per questo. Una mente errante è il problema numero uno e la chiave per capire è cosa lo sta causando. La mentalità attiva sulle liste di cose da fare o piccole sequenze oniriche o linee di pensiero – non è una scimmia birichina e dispettosa. Non è la tua mente; è il tuo corpo che rilascia stress e tensione, che attiva i tuoi pensieri.

Ancora meglio da sapere che è solo il tuo corpo a rilasciare lo stress? Non hai bisogno di sentirti come se dovessi farlo ‘smettere’, ma piuttosto di trovare un modo gentile per ri-focalizzarti.

La mente attiva non è qualcosa che devi controllare o devi negare. Se vieni rapito da pensieri o rumori o sensazioni corporee o immagini che ribollono nella mente, non preoccuparti di questo. Mentre ti rendi conto di cosa sta succedendo, invece di infastidirti e sentirti frustrato, sorridi e focalizza la tua consapevolezza sul respiro. Non preoccuparti, non sentirti frustrato con te stesso. Questa è in effetti una parte molto importante della meditazione. La mente vuole entrare in quel profondo stato di riposo, il corpo vuole spegnere la spazzatura mentale, fisica, emotiva.

La tecnologia può aiutarti a entrare nello stato di meditazione

Non sai dove o come iniziare il tuo viaggio di meditazione? Vai sul tuo app store. App come Headspace, Smiling Mind, l’app Fitbit sono tutte fantastiche … sono impostate per consentire alle persone di fare il primo passo e avere un’esperienza in esso piuttosto che essere filosofici o concettuali. Permettono alle persone di meditare ovunque, in qualsiasi momento e sono gratis.

Puoi anche fare uso della tecnologia per aiutare la respirazione a rallentare per entrare nella zona Zen più facilmente – specialmente se è qualcosa che può aiutare a monitorare il rallentamento della frequenza cardiaca. Prendi Fitbit Versa: è dotato di un’app “Relax” che aiuta a focalizzare la respirazione e ad ottenere la frequenza cardiaca e il corpo preparati per una sessione di meditazione.

Non c’è tempo o luogo perfetto per meditare

Pensi che meditare significhi trovare un posto speciale di solitudine ad una certa ora del giorno? Mentre alcune condizioni sono più ideali di altre, puoi sviluppare le tue abilità di meditazione in modo che tu possa farlo ovunque, in qualsiasi momento, perché altrimenti cercherai solo delle scuse per non farlo.

Certo è bello essere in un bel posto, chiudere la porta e tacere, ma non otterremo mai il silenzio. Non c’è nulla di silenzioso; ci sono sempre uccelli o qualche cantiere. Quindi non ti preoccupare, siediti e fai pratica.

Per quanto riguarda l’ora del giorno, puoi essere abbastanza flessibile quando scegli di meditare. Dobbiamo lavorare con il nostro stile di vita. L’intero punto della meditazione non è il tempo che medita, sono i benefici che maturano in seguito. Questo è quello che stiamo cercando; questo è il punto fondamentale.

Non hai bisogno di meditare per molto tempo

Mentre alcune persone potrebbero facilmente sedersi e meditare per un’ora, altri potrebbero trovare difficile impegnarsi con la pratica per così tanto tempo – specialmente all’inizio. E va bene, hai solo bisogno di 10 minuti per ottenere una seduta utile. Idealmente, vorrai meditare per non meno di 10 minuti e non più di 20; è il ritmo di riposo naturale del corpo.

Il punto è sentire più chiarezza, creatività ed energia. Quando lasciamo che la mente si rilassi, il corpo mette via la spazzatura mentale, fisica, emotiva e già ci sentiamo meglio. Siamo in grado di interagire e relazionarci a tutto con più arte. Questo è il punto; questo è dove sta tutto il divertimento. Ma dobbiamo imparare come dare alla mente e al corpo l’opportunità di portarci in questo stato.

Non è una soluzione rapida per stress o ansia

La meditazione può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia? Assolutamente! Ma una seduta di 10 minuti non farà sparire immediatamente quelle sensazioni – è necessario attenersi alla pratica per approfittare dei benefici a lungo termine.

L’obiettivo è di sviluppare quella pace interiore, quella calma che non può essere sopraffatta da nulla; questo è ciò che stiamo cercando di ottenere. L’ idea di una vacanza una o due volte l’anno non è sufficiente ad oggi. Non è sufficiente per consentire alla mente e al corpo di riparare, ristrutturare, riorganizzare e operare ai massimi livelli in modo coerente “.

 

11 migliori allenamenti per introversi

 

Quando gli sport di squadra sono il tuo incubo …

Gli introversi sembrano gravitare verso attività che danno loro l’opportunità di allontanarsi dal business e dalla follia della loro vita.

Ciò non significa che dovresti escludere gli allenamenti specifici; anche le persone in cerca di tempo da soli possono trovare il loro zen in una folla di 10.000 corridori o in un angolo tranquillo di quella palestra. Ma queste sono le migliori opzioni elencate da esperti per le persone che semplicemente non vogliono avere a che fare con altri umani mentre sudano.

Correre

Allacciare le scarpe da tennis e correre è un gioco da ragazzi per introversi: sei solo tu e la strada, e forse musica nei tuoi auricolari. Sentirai spesso gli introversi dire che l’esercizio fisico è un momento per loro di schiarirsi le idee ed essere da soli, e correre è un ottimo modo per loro di trovare quello spazio.

Nuoto

Giri di orologio in piscina è un altro modo sicuro per trovare quel tempo tranquillo che un introverso potrebbe desiderare. Se qualcuno sta cercando di limitare alcune delle distrazioni della vita con l’esercizio fisico, entrare nell’acqua ti aiuta davvero ad uscire dalla giornata. Sarai così concentrato sui tuoi movimenti e sul respiro, non saresti nemmeno in grado di rispondere alla persona che chiacchiera nella corsia accanto a te se lo volessi.

Ciclismo indoor

Non voler impegnarsi in palestra non dovrebbe impedirti di iscriverti alle lezioni di gruppo. Tendo a scoprire che gli introversi gravitano attorno alle singole lezioni basate sull’attrezzatura. Il ciclismo indoor è una buona opzione perché sei in un gruppo, ma hai uno spazio individuale definito che può essere più nella tua zona di comfort. Inoltre, la maggior parte delle lezioni di ciclismo indoor sembrano aver luogo nel buio, quindi- senza occhi puntati su di te!

Ciclismo all’aperto

Anche se sei in un gruppo, stare in bicicletta non è il massimo per avere un sacco di chiacchiere – sei in fila indiana sul sentiero o sul lato della strada. Traduzione: Puoi stare vicino alle persone senza dover fare discorsi impacciati quando riesci a malapena a respirare.

 

Allenamento di triathlon

Con la tripletta introversa di correre, nuotare e andare in bicicletta, il triathlon può essere un’attrazione importante per le persone che amano esercitarsi da sole. L’allenamento di dedica prende tutti quegli allenamenti “back-to-back!”: Un’assicurazione per ottenere tutto il tempo da solo che ti serve.

Tapis roulant

Vuoi lezioni senza dover affrontare la folla di una palestra o l’attenzione diretta di un allenatore? Le lezioni di tapis roulant possono essere grandi per gli introversi che vogliono approfittare di un esperto che li guida attraverso un’esperienza di allenamento. Inoltre, puoi nutrire l’energia della stanza senza costringerti a impegnarti uno contro uno.

Canottaggio

L’ambiente è davvero importante per gli introversi. Uscire in acqua e godere di quella serenità e la capacità di trovare solo quella tranquillità farebbe davvero piacere a loro. Anche un vogatore in palestra può fornire la stessa esperienza rilassante, grazie ai movimenti ripetitivi che ti metteranno rapidamente ” nella zona.”

Yoga

Naturalmente, lo yoga sarebbe un ottimo allenamento per gli introversi. Ha davvero una profonda attenzione interiore, e che si applicherebbe in un contesto di gruppo o da soli a casa. E lo yoga è di natura non giudicante, il che significa che non devi preoccuparti del tuo il prossimo osservando la tua forma.

Pilates

L’attenzione ai piccoli movimenti e al lavoro del respiro in Pilates ti garantisce in pratica che ti stai concentrando sulla tuo esercizio, non avrai il tempo di controllare ciò che qualcun altro sta facendo e viceversa. È un allenamento orientato al processo, il che significa che sei concentrato sull’esperienza stessa. Le persone che sono più introverse possono godere di quel tipo di movimento rispetto all’esercizio più convenzionale.

Allenamento con i pesi

La sala pesi sembra uno strano posto dove trovare il tuo zen, ma in realtà può offrire un po’ di pace tra corpo e mente. Sei solo te in questo momento, concentrandoti sulla tua forma, sulla tua tecnica e sul peso che stai sollevando.

Arrampicata

Uscire in natura è un modo infallibile per chiunque di centrarsi, ma gli introversi apprezzano soprattutto la calma che deriva dall’essere all’aperto. Anche se stai “salendo” in palestra, questo è un allenamento in cui le persone sono responsabili del proprio successo. Può essere uno sforzo da solista in cui possono uscire dalla loro zona di comfort senza sentirsi come se dovessero competere con o fare affidamento su altre persone.