Il modo giusto per congelare la frutta e verdura

Mangiare frutta e verdura tutto l’anno è un gioco da ragazzi, ma non è più facile fare il pieno in estate? Avere la frutta dolce le loro sostanze nutritive nelle stagioni fredde usando un solo uno strumento: il congelatore.

Le regole del congelamento

  • Arrivati alla maturazione: la qualità diminuisce nel tempo, anche una volta congelata, quindi scegli elementi senza imperfezioni al loro apice di maturazione.
  • Imballare: i sacchetti di plastica richiudibili indicati per il congelamento sono la soluzione migliore, poiché sono più robusti e meno soggetti a strappo o fuoriuscite. Se le tue uniche opzioni sono l’involucro di plastica o le opzioni richiudibili standard, raddoppia con più sacchetti per una protezione extra.
  • Togli l’ aria: l’ossigeno è il nemico. Considera un sigillante sottovuoto, che blocca praticamente tutta l’aria, prolungando la durata di conservazione fino a un anno o più; oppure puoi infilare una cannuccia in un angolo del sigillo e aspirare l’aria prima di chiuderla.
  • Scrivi la data: L’elenco e la datazione dei contenuti ti aiuta a riconoscere ciò che sono e ti spinge a prendere prima le cose più vecchie. (Una buona regola: hai da 6 a 12 mesi per usare i prodotti surgelati: se gli alimenti sono coperti di cristalli di ghiaccio o fanno odore, meglio abbandonarli).

Alcuni alimenti sono naturali nel congelatore; altri hanno bisogno di un “aiuto” extra prima del congelamento.

Impacchettali “nudi”:

  • Bacche: rimuovere eventuali steli, quindi congelare intere.
  • Ciliegie: alcuni preferiscono bucare le ciliegie prima di congelarle, ma in realtà è meglio farlo dopo lo scongelamento e prima di consumarle.
  • Mais: le pannocchie e i chicchi possono essere congelati, a patto che li consumi entro un mese o due.
  • Fichi: congelare interi.
  • Pomodori: congelare interi; le bucce scivolano subito dopo lo scongelamento. A corto di spazio? Tagliali a fettine e quindi congelare in sacchetti di plastica

Prepara prima:

  • Peperoni: affettare o tagliare sottili prima di congelarli
  • Cetrioli: affettare o tritare finemente prima di congelare. La texture è compromessa una volta congelata, ma il sapore non lo è, quindi sono ottimi per le bevande, spremute o frullati.
  • Erbe: tritare le erbe e dividerle in una vaschetta del ghiaccio. Completare ogni cubetto con olio d’oliva, in modo da riempire le fessure e far uscire l’aria, quindi congelare. Una volta congelato, trasferirlo in un sacchetto.
  • Meloni: Tagliare i meloni a cubetti o a fette, togliere la crosta, quindi congelarli così.
  • Frutta a nocciolo (albicocche, nettarine, pesche, prugne): affetta i drupacee e rimuovi la fossa. Se stai facendo un frullato, lascia la buccia. Per torte o crostate, sbucciare e affettare prima di congelare.
  • Banane: sbucciatele, quindi congelate intere o tagliate a pezzetti.

Cuocere prima:

Gli enzimi di alcuni frutti e verdure scompaiono se congelati, ma il calore può fermare questo processo.

  • Melanzane: possono essere tagliate a rondelle o tagliate in forme più piccole; arrostirle prima di congelare. Le melanzane cotte possono anche essere frullate e congelate.
  • Fagiolini verdi: prepara i baccelli nel modo in cui probabilmente li utilizzerai, interi o tagliati. Sbollentare, poi congelare; puoi aggiungerli direttamente alla zuppa o ad altre preparazioni tipo contorni.
  • Zucchine / zucca: Tagliare la zucca a rondelle e sbollentare per tre minuti o, per prodotti da forno, grattugiare e cuocere a vapore per uno o due minuti. Poi congelare e impacchettarli per la conservazione.

 

7 Supplementi che potresti prendere se sei vegano

 

Perché l’anemia NON è divertente

Le diete a base vegetale sono in gran parte molto salutari, ma possono mancare di nutrienti chiave che sono abbondanti nella carne e nei prodotti di origine animale. Alcuni supplementi/integratori sono buoni per i vegani da prendere in considerazione, specialmente se presentano sintomi di carenza.

Parla sempre con il tuo medico o un nutrizionista prima di assumere integratori.

Tua madre aveva perfettamente ragione sui broccoli: mangiare verdure è la chiave per essere sani.

Seguire un’alimentazione vegana significa prestare un’attenzione particolare a ciò che si mangia, o prendere un supplemento per colmare le lacune. Ma ecco la cosa: il fabbisogno del tuo integratore può variare molto a seconda di cosa stai mangiando (potresti non averne bisogno!)

Ecco sette vitamine e minerali a cui prestare particolare attenzione se sei vegano

Vitamina B12

[amazon_link asins=’B01C131TCQ,B00F8BN896,B075FDD21R’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’785eb88f-d7a1-11e8-8320-37bac5d084cf’]

Che cosa fa: la vitamina B12 supporta il sistema nervoso e aiuta il corpo a produrre globuli rossi. Non avendo abbastanza, il corpo può sviluppare un tipo specifico di anemia. Segni di mancanza della vitamina B12 possono includere affaticamento, formicolio, disturbi del linguaggio o della memoria e difficoltà nell’equilibrio.

Perché i vegani ne hanno bisogno: La fonte principale della dose giornaliera raccomandata è di 2,4 mcg e si trova nei prodotti animali come pesce, carne, pollame, uova e latte.

Ferro

[amazon_link asins=’B01N7ESUUI,B00OPZ2MN4,B01LYOBQUT’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’ad14435b-d7a2-11e8-ba48-2bc49c3a9003′]

Che cosa fa: il corpo ha bisogno di ferro per trasportare l’ossigeno in tutto il corpo nell’emoglobina dei globuli rossi e, quando non ne hai abbastanza, ti sentirai super stanco (e probabilmente anemico).

Perché i vegani ne hanno bisogno: le proteine ​​animali, in particolare la carne rossa, sono la fonte migliore, ma è possibile ottenere il ferro da alimenti a base vegetale tra cui i spinaci, la frutta secca, succo di prugna, pane integrale, fagioli bianchi e tofu. Tuttavia, il ferro negli alimenti fortificati e vegetariani a volte può essere più difficile da assorbire dal corpo rispetto al ferro contenuto nella carne.

Come ottenerlo: La maggior parte delle persone vegane consuma molti fagioli e lenticchie e dovrebbe stare bene senza assumere integratori a base fi ferro.

Quindi, se sei preoccupato per i tuoi livelli di ferro, il tuo medico può fare un test del sangue per anemia e consigliarti che tipo di integratore è adatto a te.

Zinco

[amazon_link asins=’B01CYDY6TQ,B01IFGDNVS,B002F86LNK’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’c9dfa0d7-d7a2-11e8-a1ab-5d6ef4283f6a’]

Potresti aver sentito parlare dello schiocco dello zinco quando hai la sensazione di star male – e questo perché ottenere abbastanza è essenziale per potenziare il sistema immunitario oltre ad aiutare il tuo corpo a guarire le ferite.

Perché i vegani ne hanno bisogno: la carne rossa, pollame, latticini e frutti di mare, in particolare molluschi come le ostriche, sono gli alimenti più ricchi di zinco, anche se è possibile ottenerlo dalle fonti vegane come pane integrale e cereali, legumi (come ceci e piselli verdi) e noci.

La maggior parte dei vegani dovrebbe essere in grado di ottenere abbastanza con la loro dieta; loro hanno bisogno di solito del 50% di zinco in più rispetto alle persone non vegane perché i fitati in grani e legumi interi riducono l’assorbimento dello zinco.

Se soffri di sintomi di carenza (assenza di appetito, ammalarsi spesso, perdita di peso, lenta guarigione delle ferite e affaticamento mentale), rivolgiti al tuo medico di fiducia o al nutrizionista. Loro ti possono raccomandare di assumere un supplemento al 150% sotto forma di citrato di zinco o gluconato di zinco.

Vitamina D

[amazon_link asins=’B06XCY13NT,B015RAPAWU,B06WD5H59M’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’e58a9ae9-d7a2-11e8-a877-5fe5072fc8eb’]

La vitamina D aiuta con l’assorbimento del calcio mantenere le ossa sane, e alcuni studi hanno collegato anche l’umore e la funzione immunitaria. I pesci grassi come il salmone e il tonno sono tra le migliori fonti di vitamina D insieme al latte, yogurt e uova; le fonti vegetali includono i funghi.

La maggior parte delle persone ha difficoltà a ricevere abbastanza vitamina D sia che siano vegani o no.

Omega 3

[amazon_link asins=’B01BFIHWDS,B01FKL17SW,B00SD9MGIO’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’9b6ccce9-d7a3-11e8-8bcb-15b47cfb3388′]

Gli acidi grassi Omega-3 possono aiutare a mantenere l’infiammazione sotto controllo e l’infiammazione gioca un ruolo in molte malattie croniche tra cui diabete, malattie cardiovascolari, malattie neurologiche, malattia infiammatoria intestinale.

Perché i vegani ne hanno bisogno: perché i pesci grassi come il salmone, lo sgombro e il tonno sono le migliori fonti di omega-3. Penso che questo sia uno in cui le persone possono essere a rischio se sono vegane.

Come ottenerlo: per ora, non esiste una raccomandazione ufficiale per un numero minimo di omega-3. Si raccomanda da 200 a 300 mg al giorno (nota che la maggior parte dei supplementi afferma di avere 1.200 mg di omega-3 ma in realtà contengono 200 mg di acido grasso effettivo quando controlli l’etichetta). Assicurati che il supplemento che acquisti sia vegan-friendly e non fatto con olio di pesce.

Iodio

[amazon_link asins=’B07B9NWQ61,B01BP1LOWA,B073QNWCNQ’ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’be593b9d-d7a3-11e8-98f5-0bbfced97aee’]

La tiroide utilizza lo iodio per produrre ormoni tiroidei, che aiutano a regolare la temperatura, il metabolismo e i livelli di energia del corpo. È anche una parte importante del neurosviluppo del bambino.

Perché i vegani ne hanno bisogno: la maggior parte di noi riceve un sacco di iodio dal sale iodato; Ma se sei vegano e cucini con l’Himalaya o con il sale marino, c’è la possibilità che tu non accumuli  abbastanza, dato che altre fonti principali includono yogurt e pesce. La carenza di iodio è collegata con la funzione della tiroide e può portare a ipotiroidismo.

Calcio

[amazon_link asins=’B009ATKO9O,B00CXMN15Y,B00E3TW3R2′ template=’ProductGrid’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’267fd468-d7a4-11e8-b39e-77ec77039df1′]

Sebbene tu possa pensare al calcio come il migliore amico della tua ossa, anche il tuo 1000 mg totale al giorno raccomandato è essenziale per i muscoli, i nervi e il cuore.

Mentre i latticini sono notoriamente grandi fonti di calcio, molti alimenti a base vegetale come cavoli, broccoli, spinaci, tofu, mandorle, fagioli, sesamo e latte di soia servono al calcio naturale o fortificato. Tuttavia, potrebbe essere difficile ottenere abbastanza se sei vegano.

Assicurati di parlare con il medico prima di prendere degli integratori.

La conclusione: i vegani dovrebbero essere in grado di ottenere la maggior parte dei nutrienti di cui hanno bisogno consumando molti alimenti interi, specialmente frutta e verdura. Ma se sei preoccupato, parla con il tuo medico per valutare quali supplementi sono giusti per te.

 

Dieta o esercizio fisico?

 

Potrebbe non piacerti la risposta …

Potresti aver sentito il mantra del fitness: “non puoi allenare una cattiva alimentazione”.

Bene, ecco un altro da aggiungere: “La nutrizione controlla il grasso corporeo e il peso; l’allenamento controlla le tue dimensioni muscolari. ”

Pratichiamo una nutrizione mirata insieme all’allenamento con i pesi per colpire gli obiettivi della composizione corporea, sia che si tratti di perdere peso, di guadagnare massa muscolare o di entrambi.

La corretta alimentazione aiuterà a trasformare il corpo attraverso:

  • Mantenendo acceso il metabolismo, il sottopeso ti farà andare in “fame”, in cui il tuo metabolismo rallenta per risparmiare energia.
  • Rifornimento del tuo allenamento – non puoi aspettarti di allenarti duramente senza energia. La giusta combinazione di carboidrati, grassi e proteine ​​ti garantirà energia durante l’allenamento.
  • Evitare le voglie: mangiare regolarmente durante il giorno manterrà a bada i mostri di zucchero.
  • Regolazione degli ormoni – abbiamo bisogno di mangiare grassi sani per le funzioni corporee essenziali dalla produzione di ormoni alla crescita cellulare. I grassi ti aiutano anche a sentirti pieno, così eviti l’impulso di abbuffarti.

Quindi aggiungiamo l’allenamento con i pesi per controllare la massa muscolare e il fisico in generale. Spalle più grandi? Una forma più proporzionata? Una “posteriore più forte”? Rispettando il tuo regime di allenamento, puoi ottenere la forma desiderata.

Dobbiamo anche ricordare che l’esercizio non influenza solo la forma del corpo.

Alcuni dei più forti benefici dell’esercizio fisico sono quelli che non puoi vedere: sfogo, chiarezza mentale, maggiore produttività, gestione del dolore, correzione posturale, salute cardiovascolare, densità ossea e sonno migliore. Non c’è niente come l’endorfina di aver completato una dura sessione di allenamento, e niente come  raggiungere un obiettivo fisico che non credevi possibile.

Perché l’esercizio da solo non sempre funziona:

  • Stile di vita sedentario: una sessione di allenamento di 45 minuti può compensare le 10 ore di seduta alla scrivania? Probabilmente no. Questo è il motivo per cui ciò che si mangia “alla scrivania” è importante quanto il modo in cui ti alleni dopo.
  • Sovrallenamento potrebbe effettivamente farti aumentare di peso – se un po’ di esercizio è buono, più è meglio, giusto? Non necessariamente. Il sovrallenamento può elevare i livelli di cortisolo, influire sugli ormoni e potrebbe effettivamente contribuire a immagazzinare il peso.

Quindi, qual’è la più importante: dieta o esercizio fisico?

La risposta è ENTRAMBI. La sola nutrizione o allenamento non fornirà mai benefici per il corpo-mente di entrambi. Mangiare bene e allenarsi in modo intelligente ti aiuterà a raggiungere gli obiettivi del tuo corpo più velocemente – e più facilmente – anziché concentrarti esclusivamente sulla dieta o sull’esercizio fisico.

 

Scambi alimenti salutari

Perché anche la tua lingua ha dei sentimenti

Probabilmente potremmo tutti farcela di mangiare un po’ più sano, ma i tradizionali “scambi” alimentari sono una specie di fiasco (no, le torte di riso non sono un sostituto accettabile per il budino di riso, grazie). E, in realtà, la chiave per pulire in modo sostenibile la dieta è aggiungere cibi più salutari che ti piace davvero mangiare. Ecco alcuni consigli:

Scambia il succo per l’acqua di cocco

Solo un paio di decenni fa, un bicchiere di acqua di cocco era considerato una parte essenziale della colazione, e molti di noi pensano ancora al succo carico di zuccheri come bevanda sana o ingrediente frullato. L’acqua di cocco ha elettroliti, compreso il potassio e molto meno zucchero. Per fare un confronto, una tazza di latte di cocco contiene nove grammi di roba dolce, mentre una tazza di succo di mela ne ha 25.

Scambia le scaglie di cioccolato con i chicchi di cacao

I chicchi di cacao sono pezzi di cacao non zuccherato e non trasformato (il seme usato per fare cacao e cioccolato), quindi hanno i benefici per la salute del cioccolato fondente e un sapore di cioccolato ma senza zuccheri aggiunti. Il cacao è una ricca fonte di magnesio e ha tonnellate di antiossidanti, sostanze fitochimiche e flavonoidi, che aumentano il tuo umore e le funzioni cognitive e possono anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna. Poiché i chicchi di cacao sono leggermente amari, si abbinano bene a cose dolci.

Scambia i condimenti in bottiglia per i condimenti fatti in casa

Il condimento per l’insalata che prendi al supermercato potrebbe contenere molto più sodio e zucchero di quanto immagini. Fortunatamente, i condimenti per l’insalata sono facili da preparare da soli e soprattutto gustosi. Se vuoi una vinaigrette, puoi usare oli più sani, come l’oliva o l’avocado. E se vuoi un condimento cremoso, puoi usare lo yogurt come base. Lo yogurt è ricco di probiotici, proteine ​​e calcio.

 

Tè vs. Caffè

Le guerre tè contro caffè sono reali!

Certo, entrambi contengono caffeina, ma i devoti del caffè giureranno a mani basse che le persone che sorseggiano solo il tè sono praticamente alieni, giusto? Nel frattempo, gli appassionati di tè predicano che i benefici per la salute del tè sono molto migliori.

Ma quando si tratta di tè contro caffè, qual’ è meglio per te?

Ecco le buone notizie: il tè e il caffè sono entrambi abbastanza salutari (specialmente nelle loro forme più semplici, senza aggiunta di zucchero o aromi).

C’è più ricerca sul tè, ma abbiamo scoperto molto anche sul caffè. Penso che entrambi possano far parte di un’alimentazione sana se ti senti bene quando li bevi.

Tuttavia, ci sono alcuni benefici per la salute e svantaggi specifici per ogni bevanda che probabilmente dovresti notare.

Benefici del caffè = vita più lunga + memoria migliore

Mentre potresti essere attratto dal caffè per la sua scossa, questi semi tostati offrono molto di più della sola caffeina. La ricerca suggerisce che il consumo di caffè può aiutare a prevenire malattie croniche come il diabete, l’ipertensione e le malattie del fegato.

Il caffè può anche proteggere la memoria e le funzioni cerebrali. Uno studio ha scoperto che bere fino a tre tazze di caffè al giorno era associato a un rischio ridotto del 65% di malattia di Alzheimer.

La tua “bevanda” mattutina può anche aumentare il tuo benessere emotivo. Poiché il caffè è al centro di così tante interazioni sociali, anche quell’atto di connettersi con qualcuno a una tazza di caffè può avere benefici per la salute mentale.

Benefici del tè = sistema immunitario più forte + rischio di cancro più basso + ossa più forti

Non si può negare che il tè abbia una reputazione piuttosto virtuosa. Il consumo regolare di tè è stato associato con un peso corporeo inferiore, una migliore funzionalità del sistema immunitario e una riduzione del rischio di infarto e ictus.

Altri aspetti positivi? I bevitori di tè possono avere una maggiore densità ossea e un minor rischio di fratture. Bere il tè verde può anche proteggere il cervello e aiutarti a sentirti rilassato. Il tè verde contiene l’aminoacido L-teanina, che innesca il rilascio del neurotrasmettitore GABA e aiuta le persone ad entrare in uno stato mentale rilassato.

La lunga lista di benefici per la salute del tè è dovuta in gran parte alle sue proprietà anti-infiammatorie e agli abbondanti antiossidanti.  Inoltre, il tè contiene catechici e flavonoidi, che sono antiossidanti che proteggono dallo stress ambientale.

L’aspetto negativo di tè e caffè: la caffeina

La caffeina è uno stimolante e colpisce più sistemi del corpo. Può avere un impatto sul sistema nervoso, rendere una persona nervosa o iperattiva, aumentare la frequenza cardiaca e/o la pressione sanguigna e causare alcuni disturbi gastrointestinali.

Con moderazione la caffeina è relativamente innocua. Alcune persone possono persino avere di più e stare bene. Ma, tutti metabolizzano la caffeina in modo diverso, e alcune persone potrebbero essere più sensibili ad altri rispetto ad altri.

Alcune persone che sono molto sensibili alla caffeina possono ancora scoprire di avere i nervosismi del tè verde o nero, e, anche se le tisane sono prive di caffeina, chiedi al tuo medico di potenziali rischi o interazioni per la salute, specialmente se sei incinta, hai una condizione medica o stai assumendo farmaci.

La linea di fondo –  tè contro caffè?  Finché sei consapevole della caffeina, entrambi possono far parte di un’alimentazione sana.

 

6 benefici per la salute della quinoa

È una proteina completa per i principianti

Per prima cosa: sai come dire la parola quinoa?

Ma non importa quanto tu stia pronunciando la parola, spero tu abbia mangiato il grano antico senza glutine, perché ha un sacco di benefici per la salute.

La quinoa è ricca di proteine

La quinoa ha molto più nutrienti per la costruzione dei muscoli rispetto alla maggior parte delle opzioni di cereali che troverai al supermercato. Bonus aggiuntivo: è una proteina completa, il che significa che contiene tutti i nove aminoacidi essenziali di cui il tuo corpo ha bisogno (la maggior parte delle proteine ​​a base vegetale ha solo alcuni di quegli amminoacidi chiave).

Incorporare solo una tazza di quinoa al giorno in qualcosa come una ciotola di grano con altre verdure o aggiungerla alla zuppa fatta in casa; aggiungerà otto grammi in più di proteine.

E fibra

Otterrai cinque grammi del nutriente di riempimento per ogni porzione di una tazza. La maggior parte delle persone non soddisfa la quantità giornaliera raccomandata di fibra che dovrebbe essere di 25-28 grammi al giorno per una donna adulta, (secondo le linee guida dietetiche dell’Istituto di medicina), quindi cucinare con la quinoa è un ottimo modo per ottenere di più.

Dato che la quinoa è a basso contenuto di grassi e zuccheri e contiene carboidrati complessi, ti sentirai sazio senza un sacco di gonfiore per appesantirti.

La quinoa può aiutarti a mantenere un peso sano

Abbiamo parlato di come questa combinazione di proteine ​​e fibre sia super-soddisfacente, specialmente se stai cercando di perdere qualche chilo.

La quinoa è naturalmente priva di glutine

Se hai la celiachia o l’intolleranza al glutine, non devi più soffrire per l’invidia sulla pasta: la quinoa è un modo legittimo per assecondare la tua abitudine al carboidrati (meglio della farina di mais o di riso, che non ha il valore nutrizionale.

Ha un sacco di vitamine e minerali

Parlando di vitamine e minerali … la quinoa viene fornita con una dose di ferro e magnesio. Il magnesio è importante per la contrazione e il rilassamento muscolare, così come la salute delle ossa, e il ferro è estremamente importante per i globuli rossi perché aiuta a trasportare l’ossigeno dai polmoni al resto del corpo.

La quinoa può anche aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue

La quinoa ha un basso indice glicemico, che è una misura della rapidità con cui un alimento aumenta il livello di zucchero nel sangue. E i normali livelli di zucchero nel sangue equivalgono a un minor rischio per condizioni spaventose come malattie cardiache e diabete.

 

6 Keto regole da seguire anche se non sei realmente Keto

La dieta chetogenica

Si tagliano i carboidrati, si mangiano tonnellate di grassi (sani) e si sentono miserabili per una settimana o due prima di perdere qualche chilo. Fondamentalmente, è davvero, davvero difficile.

Se sei pronto/a per la sfida, complimenti a te; ma molte persone semplicemente non possono attenersi a una dieta keto perché è così restrittiva, e quelle restrizioni hanno alcuni aspetti negativi.

È difficile ottenere molti nutrienti di cui il tuo corpo ha bisogno, in particolare fibre e potassio, seguendo la dieta keto. Allo stesso tempo, è caricato con grasso saturo, che è malsano per il tuo cuore, e ti priva dei carboidrati che il tuo corpo brama per l’energia.

Tuttavia, ci sono regole della dieta keto che possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi per perdere peso. Ecco cosa si può rubare dalla dieta keto, anche se non si è abituati con questo stile di vita ad alto contenuto di grassi.

Prestare maggiore attenzione ai carboidrati

La dieta a base di keto impone a limitare l’assunzione di carboidrati e la maggior parte di noi consuma comunque troppi alimenti ricchi di carboidrati. Una dieta come questa ti incoraggia a tagliare determinati cibi che ti aiuteranno a ridurre il peso complessivo ea migliorare la tua salute.

Mentre Keto elimina la maggior parte delle principali fonti di carboidrati, alcuni dietologi dicono che dovresti ritagliare i carboidrati trasformati (cracker e biscotti) mentre stai ancora gustando cereali integrali sani come riso integrale e avena.

Assicurati di prestare attenzione alle dimensioni delle porzioni: si raccomanda da cinque a sei porzioni da 30 grammi di cereali integrali al giorno (una porzione è una fetta di pane integrale, ad esempio).

Mangia più dei giusti tipi di grassi

Il grasso non merita il suo cattivo nome  – in realtà può farti sentire pieno più velocemente (e più a lungo), dal momento che richiede più tempo per digerire rispetto ad altri nutrienti.

Ma non tutti i grassi sono indiscutibilmente troppi per te. Mentre i grassi saturi che si trovano nelle carni e nei prodotti lattiero-caseari non sono i cattivi che si pensava fossero, si raccomandano di mantenere l’assunzione di soli 13 grammi di grassi saturi al giorno.

La maggior parte dei nutrizionisti, tuttavia, è d’accordo sul fatto che dovresti concentrarti sul mangiare più grassi monoinsaturi, trovati in alimenti a base vegetale come avocado e olio d’oliva, poiché si pensa siano in parte responsabili degli effetti salutari della dieta mediterranea.

Si consiglia di scambiare gli snack come patatine per una manciata di noccioline una volta al giorno, usando avocado per preparare cremosi dessert e salse e usando l’olio d’oliva per fare saltare le verdure e preparare salse per insalate.

Verdure non amidacee

La maggior parte degli adulti non ne ha mai abbastanza [delle verdure], per cui i nutrizionisti adorano il fatto che le persone mangiano più non amidacei, come i broccoli, gli asparagi e gli spinaci.

Queste verdure aiutano a fornire la fibra che il tuo sistema digestivo desidera ardentemente. E poiché la maggior parte delle verdure ti riempie di meno kilojoule.

A digiuno intermittente di prova

Il digiuno intermittente è di gran moda in alcuni cerchi di keto. Può sembrare estremo, ma i metodi più popolari di solito ti permettono di mangiare cibo per otto ore durante il giorno (pensa: dalle 10 alle 18) per raggiungere uno stato di digiuno di 16 ore.

Durante i periodi di digiuno, il tuo corpo brucia alla fine attraverso tutti i tuoi depositi di carboidrati e inizia a bruciare il grasso corporeo per produrre energia. (Quella di cui parlano le persone quando si riferiscono alla chetosi, e sì, puoi arrivarci senza tagliare drasticamente i carboidrati).

Ma, al livello più elementare, il digiuno intermittente ti costringe a pensare a cosa stai mangiando e perché.  Ad esempio: hai davvero bisogno di uno spuntino giornaliero alle 15:00 o lo stai facendo solo perché è una routine?

Inizia a cucinare a casa più spesso

Dato che così tanti cibi sono vietati, Keto ti costringe a mangiare a casa molto più spesso.

Quando mangi a casa, tuttavia, hai molto più controllo su ciò che sta succedendo nei tuoi pasti. Puoi condire le verdure e aggiungere spezie extra al posto degli oli per aumentare il sapore.

Riempia sui cibi fermentati

Tagliare importanti fonti di fibre, come cereali integrali e frutta, può farti sentire abbastanza “protetto”, quindi non sorprenderti che la stitichezza sia una lamentela comune.

Ecco dove arrivano le verdure fermentate: agiscono come probiotici per supportare batteri sani nell’intestino e mantenere le cose in buona salute e muoversi, rendendoli una scelta popolare e amichevole.

 

Quanta acqua dovresti bere al giorno?

 

Bere abbastanza acqua è essenziale per la nostra salute e il nostro benessere, ma quanta acqua dovresti bere al giorno?

Bene, questo dipende da chi chiedi con opinioni diverse, linee guida e suggerimenti sull’argomento. Le attuali linee guida alimentari italiane raccomandano di bere “molta” acqua ogni giorno, ma non indicano una quantità esplicita. Affermano che la quantità di acqua necessaria dipende da fattori individuali tra cui quello che mangi, dove vivi e la quantità di esercizio che stai facendo.

Quanti litri d’acqua devi bere un giorno?

I valori di riferimento dei nutrienti forniscono consigli più specifici basati sul peso medio di donne e uomini adulti. La loro assunzione giornaliera raccomandata di acqua è di 2,1 litri per le donne e di 2,6 litri per gli uomini.

Quanti bicchieri di acqua dovresti bere al giorno?

Per le donne, 2.1 litri equivalgono a circa otto bicchieri d’acqua. Per gli uomini, 2,6 litri equivalgono a circa 10 bicchieri d’acqua.

Che ne è delle donne incinte o che allattano?

Le donne incinte richiedono circa 2,3 litri al giorno che è di circa 9 bicchieri, mentre le donne che allattano 2,6 litri al giorno che è anche di circa 9 bicchieri.

Cosa succede se stai praticando sport?

L’esercizio fisico e l’attività fisica possono aumentare la sudorazione e la perdita d’acqua, che richiede una reidratazione extra. Non esiste una regola per un ulteriore consumo di acqua, ma alcuni esperti di salute suggeriscono un litro d’acqua in più per ogni ora di attività.

Quali sono i benefici dell’acqua potabile?

L’acqua costituisce il 50-80% del nostro peso corporeo e ogni singola cellula, tessuto e organo di cui siamo composti richiede che funzioni. Perdiamo continuamente liquidi attraverso la sudorazione, respirazione e digestione, quindi è importante reidratarci.

L’acqua è importante per molte funzioni corporee, in particolare regola la temperatura corporea e svolge un ruolo essenziale nel trasporto di nutrienti attorno al corpo per mantenerti in buona salute.

Consumare la giusta quantità di acqua al giorno può aumentare l’energia, mantenere la funzione cerebrale, regolare la digestione e aiutare la perdita di peso e la manutenzione.

Come te ne accorgi che non stai bevendo abbastanza acqua?

A parte la sete, ci sono molti segni che potresti essere disidratato. Se il tuo consumo di acqua è basso, la tua urina dovrebbe essere di un colore giallo paglierino. Se appare giallo, giallo scuro o arancione, significa che non bevi abbastanza.

Altri sintomi di disidratazione comprendono il mal di testa, affaticamento, stitichezza, crampi muscolari e secchezza della bocca, degli occhi e della pelle.

Cosa conta come acqua?

Tutti i cibi e le bevande che contengono acqua in realtà contano, ma è meglio concentrarsi sul liquido nelle bevande piuttosto che nei cibi che mangiamo.

Tuttavia, gli esperti di salute non consigliano di scambiare acqua per opzioni con zuccheri aggiunti come bibite, vitamine, succhi, energizzanti e bevande sportive, poiché possono comportare un eccessivo aumento di peso.

Come possiamo aumentare l’assunzione di acqua?

Porta sempre con te una bottiglia d’acqua, anche quando sei in giro, e condiscila con frutta fresca come fette di arancia o limone.

 

Il Popcorn è effettivamente sano o cosa?

Se sei come me, potresti probabilmente buttare giù un intero grande sacchetto di popcorn durante un episodio di 30 minuti della tua soap preferita.

Ma, naturalmente, ci si pone la domanda:

I popcorn sono sani?

Semplice e semplice, il popcorn è un chicco intero, appena spuntato. “Così, mentre alcune persone potrebbero considerarlo un alimento spazzatura, non lo è. “Non solo ha un sacco di fibre, ma quando è spuntato con pochi grassi, è anche a basso contenuto calorico ed è soddisfacente, grazie al suo crunch “.

Fattori nutrizionali del popcorn:

Ah, le statistiche che dicono tutto. Per prima cosa, un semplice sacchetto di popcorn non farà scoppiare la tua quota di calorie o qualsiasi altra quota nutrizionale.

Ecco cosa troverai in una tazza di popcorn semplice:

  • Calorie: 31
  • Proteine: 1 g
  • Grasso: 0,4 g
  • Grasso saturo: 0 g
  • Carboidrati: 6 g
  • Fibra: 1 g
  • Sodio: 1 mg
  • Zucchero: 0,07 g

Quindi, anche se hai tre tazze, è meno di 100 calorie, senza esagerare con i carboidrati, sodio o grassi.

Naturalmente, questi numeri cambiano rapidamente quando aggiungi burro, formaggio, caramello o qualsiasi altro condimento.

Una tazza di popcorn può avere da 31 a 172 calorie, a seconda del tipo che si ottiene.

Tre tazze di popcorn imburrati, ad esempio, ti porteranno 192 calorie (il doppio di quelle di popcorn normale) e 15 grammi di grasso.

Che mi dici di quei sacchetti a microonde?

Probabilmente è meglio evitarli. Alcune marche hanno molti o quantità elevate di grassi saturi (attenzione al burro!). Se vuoi giocare sul sicuro, ti suggerisco di gettare alcuni chicchi in un sacchetto di carta marrone e di farli scoppiare nel forno a microonde.

Un’altra opzione se sei disposto a sporcarti le mani: cucinalo sul fornello. Usando un po’ di cocco o olio d’oliva, scalda l’olio in una padella profonda e aggiungi tre gherigli. Quindi, è possibile aggiungere solo un pizzico di parmigiano, sale, poca salsa piccante o alcune delle vostre erbe e spezie preferite. L’olio aggiungerà un po’ di calorie e grassi in più rispetto a una semplice tazza, ma questo metodo è ancora più sano (e delizioso).